top of page

VIDEO - “Italiani nel mondo, patrimonio che non va abbandonato”

Ecco il mio intervento al Senato (testo integrale) per dire no al governo Meloni e proporre misure per la valorizzazione delle nostre comunità all'estero.


Signora Presidente del Consiglio,


Non voterò la fiducia al Suo governo ma ho apprezzato il brevissimo accenno alle comunità italiane nel mondo e all’importanza dell’insegnamento della lingua italiana.


Mi permetta di notare, però, che la Sua affermazione ha bisogno di essere riempita di contenuti. Gli italiani nel mondo hanno sempre rappresentato una grande risorsa per l’Italia, facilitando, fra le tante altre cose, alle nostre aziende di accedere a importanti mercati. Con duro lavoro e sacrifici oggi sono integrati nelle società in cui vivono e spesso ricoprono importanti cariche e ruoli decisionali.

Abbiamo 80 milioni di italiani nel mondo che sono i veri ambasciatori del made in Italy ed i migliori partners per la promozione del sistema Italia.

È necessario investire sulle nostre comunità, coinvolgendole nei vari livelli dello sviluppo economico anche attraverso progetti di partenariato che utilizzino la rete di professionalità, competenze e conoscenze costruite nei nuovi Paesi di residenza. E mi riferisco anche ai tanti giovani emigrati che per scelta o costrizione esprimono all’estero il loro potenziale, eccellendo.


Penso ai tanti ricercatori nel mondo, autori di progetti che di italiano, purtroppo, portano solo i loro cognomi e che potrebbero ritornare per aiutare il nostro Paese a eccellere sempre di più nell’innovazione tecnologico-scientifica. Ma per fare ciò, occorre creare condizioni di lavoro competitive rispetto al mercato internazionale.


Quando parliamo di Made in Italy, non dobbiamo dimenticare il Turismo di Ritorno che, prima della pandemia, rappresentava il 15% del totale delle presenze annue in Italia.

È ora che ci siano investimenti decisi e concreti su questo settore. I nostri figli e nipoti, generazioni diverse di italiani nel mondo, vogliono riscoprire le loro origini, la loro cultura e la loro lingua.


Sono tutti fattori che del Made in Italy rappresentano l’essenza e che meritano investimenti diretti

· a diffondere lo studio dell’italiano all’estero;

· a sostenere associazioni, organizzazioni comunitarie italiane, e istituzioni attive in ogni angolo del pianeta per promuovere la nostra cultura;

· a incentivare e facilitare gli scambi culturali, professionali e sociali.

Il Made in Italy, infine, è anche rappresentato da tutti gli uffici pubblici ai quali accedono stranieri e italiani all’estero.

Uffici, come quelli consolari, che necessitano di sostegno, di essere rinforzati per assicurare diritti di cittadinanza che la nostra Costituzione garantisce, senza discriminazione alcuna, a tutti gli italiani. A prescindere se risiedano in Italia o all’estero.


Signor presidente, onorevoli colleghi,

il Made in Italy non è solo un prodotto da vendere. Ma un complesso sistema socio-culturale attraverso il quale rilanciare il Paese e la sua economia. Un sistema fatto di donne e di uomini che vivono anche al di fuori dell’Italia e che vanno non abbandonati, ma sostenuti nell’interesse degli italiani e dell’Italia tutta.

Su questi temi signora Presidente del Consiglio, noi dall’opposizione incalzeremo il Suo governo e ci saremo a portare il nostro contributo.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page